free pokerfree poker

La parola del giorno: il “TEGO-TIR”

PDF Stampa E-mail
Scritto da Alessandro   
Martedì 03 Gennaio 2017 10:58


La parola del giorno: il “TEGO-TIR”


A beneficio dei lettori vorrei ricordare la definizione del “tego-tir”. 

Esso definisce, nel sistema internazionale di misura, l’unità di misura del “bloccaggio”.


Le prime attestazioni circa l’impiego del vocabolo risalgono al 2004, lo stesso Umberto Eco, nei suoi studi di semantica, ne attribuisce la nascita al boulderista F.P.. L’Accademia della Crusca spiega l’etimologia della parola composta: /tɛgo/ (ant. tegolino – riferimento assoluto di chiusura, tegola) s. m. [dal lat. tegŭla] + TIR s. m. – sigla del fr. Transports Internationaux Routiers «trasporti internazionali su strada», usata per indicare i trasporti internazionali di merci [...], automezzi dotati di grande cilindrata e potenza.

Uso nel gergo comune: <<4 TEGO TIR molto Biditosi :)>> Cit. Tony.


Nicola C. su "Clin d'oeil" 7A a Quirra, Passaggio per Chitur.

Nicola C. su "Clin d'oeil" 7A a Quirra, Passaggio per Chitur.


Quando sono venuto a conoscenza del vocabolo sono rimasto, al contempo, sorpreso e amareggiato per il fatto che una metodologia di valutazione della durezza di una via, basata su una unità di misura così tanto oggettiva ed universalmente riconosciuta, in questo ambito d’uso, sia stata abbandonata negli anni a favore di scale di gradazione decisamente soggettive quali Francese, YDS o Fontainebleau.

Faccio quindi un appello alla comune ragione: quando inserirete su ShardRock i commenti alle vostre prestazioni, indicate quanti “tego-tir” sono serviti per poter chiudere la via o il boulder così che, noi tutti, potremo regolarci di conseguenza: a chi mancano dovrà sfruttare la tecnica (vedi Janiro o varie ed eventuali “cose con i piedi”) o lasciar perdere, chi ne avrà in eccesso saprà quanto potrà scalare pulito e leggero sulla via fingendo di saper usare i piedi.


P.S.

Guardando la foto di Nico mi è venuto in mente che il "tego-tir" può anche esprimere una "misura relativa" della distanza tra due appigli in quanto soggetto alle leggi della relatività altezza-chiusura. Il Saggio mi disse: <<io non voglio la tua altezza, preferisco tenermi il mio braccio>>.





Sinonimi

Tra i sinonimi del termine si ricorda il “Kenwood”. Anche in questo caso U. Eco indica in F.P. l’inventore del vocabolo. Verso la fine del ventesimo secolo le autoradio erano dotate di un frontalino estraibile, per estensione la figura è stata trasposta al mondo dell’arrampicata per indicare un gesto di progressione frontale che pertanto richiede una discreta dose di “tego-tir”.


Contrari

"Macchinetta", o fare macchinetta, ossia fare un bilanciamento o bilancino laddove vi sia una deprecabile assenza di “tego-tir”. L’Enciclopedia Italiana Treccani ritiene che la parola sia stata inconsapevolmente utilizzata per consigliare un movimento di bilanciamento e inconsciamente recepita e applicata dal climber dimostrandone l’indubbia e intrinseca efficacia.



La saggezza popolare: verità assolute


<< Non la tengo, non ci riesco… Come devo mettermi? Va bene qui? Che faccio ora? Mi devo spostare? Cosa devo fare? >>


<<Ascoltami… devi fare solo una cosa… continuare ad allenarti finché non la terrai, e allora chiuderai quel blocco>>


Gli anonimi interlocutori del fraseggio rimarranno tali, sappiano che hanno tutta la mia stima.



Ultimo aggiornamento ( Giovedì 12 Gennaio 2017 13:14 )
 
free pokerfree poker
Ballakanò & KingKongiu 2004All right Reserved