free pokerfree poker

Ugo Bertoni

Scritto da Ballakanò   
Domenica 05 Dicembre 2004 01:00


Ne avevo sentito parlare da altri amici arrampicatori però non avendo la possibilità di scalare nelle stesse falesie non mi era mai capito di incontrarlo. Lo scorso inverno in una delle tante giornate passate a Quirra ho avuto modo di verificare di persona tutte quelle voci che avevo sentito sul suo conto. Era un vero combattente!! Pur con l'influenza, una notte passata in macchina e il raffreddore che non lo faceva respirare, combatté presa dopo presa per arrivare in catena e quando sembrava destinato a venire giù continuava a lanciare alla presa successiva con determinata ostinazione... insomma uno spettacolo.


Ladies and gentleman è un piacere ed un onore per la Ballakano&KingKongiu Productions presentare all'angolo sinistro in maglietta bianca e pantaloncini neri UGOOOOOO BERTONIIIIIIIII...


Ugo Bertoni inizia a scalare...

Con la gomma cocida sotto i piedi e il famau in mano


Come arrivi all'arrampicata sportiva?

Conoscevo Gian Carlo Grassi e Marco Bernardi, i miti del tempo. Poi mi capitò di vedere Marco che si allenava a secco nell' 85! Questa interpretazione moderna del salire sulle rocce e i fuseau cangianti ebbero facile influenza su un quindicenne sfigato che si avvicinava alla montagna


Quanto tempo ti e' servito per arrivare al primo 8a?
Tanto. Durante i primi 10 anni di attività salivo solo placche abbattute o verticali. L'arrampicata doveva essere tecnica, di piedi. Poi ignoravo il concetto di allenamento: facevo 10 trazioni alla sbarra e credevo di essermi allenato.
Purtroppo ho capito che per ottenere determinati risultati devo sudare.


Ti ho visto scalare un paio di volte e mi hai sempre impressionato per la grinta e la determinazione con le quali scali. ti ho visto fare un bel 7c a vista dove molti,nelle tue condizioni, avrebbero mollato già a metà. Tu invece ha continuato a combattere presa dopo presa. e' questa grinta il segreto delle tue riuscite a vista?
Sicuramente la grinta e' importantissima e per sopperire altri miei deficit cerco di valorizzarla al massimo e ne ho fatto un punto di forza


Ugo Bertoni e allenamento. ti alleni? come e sopratutto cosa ne pensi dell'allenamento nell'arrampicata, credi che si possa arrivare ai propri limiti solo scalando oppure arrivati ad un certo punto per aumentare il proprio livello ci sia bisogno di un allenamento?
Allenamento vuol dire miglioramento. La sola scalata consente di migliorare, ma non tutti possono scalare piu' giorni alla settimana; e comunque oltre a un certo livello, senz' altro soggettivo, l'allenamento a secco è necessario. La cosa piu' difficile e' trovare gli stimoli, la motivazione per tirare sempre al massimo. Per me il desiderio di salire un bel tiro e' un'ottima motivazione


E dove ti alleni?

A casa mia sul trave e nel salotto Zen di Nuoro dove la compagnia e il confronto con gli altri atleti e' molto utile. La sala boulder e' anche il salotto degli scalatori dove si chiacchiera, si scherza, si complotta...


Oltre ad essere un forte scalatore sei anche un bravo chiodatore. qual'e' la via più bella che hai chiodato in Sardegna?

Niagara a Ulassai. E non solo perche' e' il tiro piu' duro da me chiodato, ma perché e' il piu' affascinante. Ho immaginato quella linea così elegante, poi ho trovato per magia tutte le prese e le sequenze in un mare di roccia liscia. L'ho battezzata con un bel nome. Tutto perfetto


Cosa significa per te chiodare una via? e' importante per te che sia tu a liberarla oppure ti interessa solo salirla?
In linea di massima mi interessa salirla. Le poche vie che ho chiodato sono state a disposizione di chiunque volesse liberarle. Però magari un giorno chioderò il Tiro della mia vita e allora vorrò liberarlo io...


E in Sardegna come ci finisci?
Sono venuto per lavoro e poi... ci sono restato per amore


Tu che hai girato e scalato in tante falesie cosa mi dici della Sardegna dal punto di vista dell'arrampicata?

In Sardegna ci sono immense impossibilita come non ne ho viste altrove. La qualità della roccia il clima e l'ambiente ne fanno un cocktail perfetto. Poi e' importante l'abilità dei chiodatori per valorizzare tutto questo ben di Dio.


E degli arrampicatori sardi?
Gli scalatori sardi sono una compagnia attiva ed allegra. Partecipare a raduni (Domusnovas e Aggius) tutti assieme e' una figata


Qual'e', a tuo avviso, lo scalatore sardo più promettente, quello che potrà aggiungere ancora uno scalino alla difficoltà sarda?
Nell'immediato vedo Matteo Marini: giovane e ben motivato a decollare nell' alta difficoltà. Poi il futuro e' nelle dita d' acciaio dei giovanissimi che oggi gia' spadroneggiano nelle palestre preparandosi a dettar legge anche in falesia


Qual'e' la tua falesia sarda preferita?
Domanda difficile. Rispondo Cala Fuili perché e' forse l'unica ad offrire tutti i generi di scalata, per il mare e perché ci sono anche un po' affezionato


Le gare ti piacciono? ne hai fatte tante?
Mi piacciono anche se non ho la testa adatta alle gare. Credo sia un' altra faccia di questo sport, e come tale mi piace assaporarla a piccole dosi... per poi tornare alla mia attività preferita: abbuffarmi in falesia.Oltre alle gare in Sardegna ho partecipato 2 volte ai campionati regionali in Valle d'Aosta molti anni fa


A vista o lavorato? sono due stili differenti o sono solo due facce della stessa medaglia?

Entrambi. Io prediligo (e riesco meglio) a vista, ma viaggio molto e posso provare tiri nuovi. Al contrario raramente ho potuto dedicarmi per molto tempo ad un progetto. Comunque lavorare a lungo un tiro richiede grande motivazione.


Arrampicata e chiacchere, cosa ne pensi di tutte le parole, scritte sui giornali, sulla rete o semplicemente in bocca alla gente che girano intorno alle nostre scalate?

Siamo in democrazia e' giusto che tutti diano i propri pareri. Come sto facendo anche io! Poi ognuno ne tragga le proprie conclusioni. Il confronto con le altrui idee e' sempre utile


Che idea ti sei fatto su shardrock?
Ottima. Tutti ne parlano. Sicuramente sarete presi d'esempio da altri siti


Credi che un'iniziativa come questa possa avere un futuro?
Un ottimo futuro. Sperando che qualcuno non la prenda per cio' che non vuol essere, creando polemiche


Ti infastidisce il casino in falesia? le urla di incoraggiamento o quelle di amarezza quando si sbaglia una via...

Come nella vita di tutti i giorni non amo il casino. Affollamento si, ma senza invadenza. Mi piace sentire gli incoraggiamenti dei miei amici, ma troppi occhi addosso mi inibiscono. No alle urla (o peggio) quando si fa catena o si sbaglia


Per te il tuo partner e' solo una sicura oppure e' qualche cosa di più?
Dipende. Io cerco sempre di dare e prendere qualche cosa piu' della sicura. Ma non sempre ci riesco.


Secondo te qual'e' il futuro dell'arrampicata in Sardegna?
Molto brillante. E a cio' contribuiranno tutte le persone così motivate, intraprendenti, innamorate del nostro sport.


...allora Ugo posso farmi un tatuaggio sulla schiena con la scritta: POWERED BY UGO BERTONI
Si ma a matita. Solo i miti sono indelebili.

Ultimo aggiornamento ( Giovedì 24 Novembre 2016 13:07 )
 
free pokerfree poker
Ballakanò & KingKongiu 2004All right Reserved